Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

La nuova Gerusalemme

sacri montiL’architettura delle cappelle distingue uno dall’altro i diversi Sacri Monti poiché le vicende costruttive del lungo periodo storico che ha compreso la loro evoluzione hanno influenzato i risultati finali che oggi possiamo ammirare. Nelle varie realtà ambientali che li accolgono, gli edifici seguono schemi tipologici apparentemente uguali ma prendono forme sempre diversamente caratterizzate dal disegno e dallo stile.

Talvolta la costruzione dei Sacri Monti ha richiesto dei lunghi tempi e delle interruzioni a causa della mancanza di adeguati mezzi finanziari rispetto agli obiettivi ed alle finalità degli ideatori, e ciò ha favorito dei risultati formali stratificati in tutti i loro aspetti, sia alla grande scala, per quanto concerne l’ambiente e l’urbanistica, sia alla piccola scala, ovvero per le architetture ed i loro contenuti artistici.

Il Sacro Monte di Varallo, primo originario modello di questo fenomeno artistico e religioso, sin dal suo nome evocativo di Nuova Gerusalemme, più di ogni altro esemplifica, nell’impianto urbanistico e nell’architettura degli edifici, le diverse fasi storiche e le differenti motivazioni religiose che portarono, nell’arco di due secoli tra la fine del Quattrocento e la prima metà del Seicento, alla realizzazione dei diversi complessi. Nel 1481 l’idea del suo fondatore, il frate Bernardino Caimi, di realizzare luoghi di devozione che replicassero in Occidente i Luoghi Santi di Gerusalemme, determinò una scelta progettuale orientata essenzialmente sull’allestimento delle scene plastiche e pittoriche, con la voluta rinuncia ad un’espressione architettonica degli edifici troppo evidente o stilisticamente marcata, a favore di una semplicità formale di tipo francescano.

Gli edifici del primo periodo di fondazione della Nuova Gerusalemme, pensati probabilmente dal Caimi stesso, sono infatti di semplice fattura e furono realizzati mediante l’aggregazione planimetrica di piccoli corpi di fabbrica, adattati ed articolati sul terreno senza trasformarlo molto. Con questo spirito di adattamento al sito, i primi edifici furono costruiti con tecniche tradizionali, con muri in pietrame intonacati e con tetti sacri montidai manti di copertura in pietra a lastre, secondo le tecniche della tradizionale architettura montana della Valsesia.

Mantenendo sempre l’originario obiettivo di riproposizione topomimetica dei luoghi della Vita e della Passione di Cristo, il Caimi promosse la costruzione del nucleo della Natività, che racchiude al suo interno cinque delle più belle scene della Vita di Gesù, e di quello del Sogno di San Giuseppe. In entrambi, egli si affidò volutamente all’estro artistico dei pittori, in particolare di Gaudenzio Ferrari, piuttosto che a quello degli architetti, nella precisa intenzione di privilegiare lo straordinario messaggio religioso ed artistico che sarebbe derivato con l’allestimento delle suggestive scene all’interno delle cappelle.


I nostri media


Questo portale www.sacrimonti.org è un progetto finanziato a valere sui fondi della Legge 20 febbraio 2006, n. 77
Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale inseriti nella lista del patrimonio mondiale posti sotto la tutela dell'UNESCO
This work was carried out with funds made available under Law 77 of 20 February 2006


Progetto Interreg "MAIN10ANCE" ID 473472

 logo Progetto Interreg MAIN10ANCE

logo linkedin       logo facebook        logo instagram