Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

logo

Sacro Monte di Crea

 

Nel cuore del Monferrato, sulla sommità di una collina circondata da un meraviglioso paesaggio vitivinicolo, sorge il Sacro Monte di Crea, fondato nel 1589 su iniziativa di Costantino Massino, priore lateranense del Santuario della Madonna Assunta. Costantino Massino propose di costruire un itinerario religioso ispirato al Sacro Monte di Varallo, per favorire la preghiera e la meditazione e per rinnovare la devozione mariana legata al Santuario, meta di pellegrinaggio di notevole importanza fin dall'XI secolo. Il forte legame fra il santuario e la dinastia regnante nel Monferrato rese partecipi dell’impresa il duca, la nobiltà, l’alto clero e le comunità locali. Nella prima fase della storia del Sacro Monte, che si concluse intorno al 1657, lavorarono importanti artisti attivi anche nei Sacri Monti di Orta, Varallo e Varese, tra i quali il Moncalvo, i Prestinari e i de Wespin, autori dello spettacolare complesso scultoreo della cappella del Paradiso (c. 23), realizzato negli anni che vanno tra il 1604 e il 1612.

Durante il XVIII secolo il Sacro Monte cadde poco alla volta in stato di abbandono e, tra 1796 e 1801, le incusioni delle truppe rivoluzionarie francesi contribuirono alla rovina di molte strutture, statue e affreschi. Per alcuni decenni il Sacro Monte fu abbandonato e soltanto nel 1820 una comunità di frati francescani, diventati responsabili del Santuario, cominciarono a ripristinare alcuni edifici. Nel 1885 cominciò una sistematica campagna di restauro, supportata dal vescovo di Milano Nazari di Calabiana e destinata a durare fino agli anni Venti del Novecento. Durante questa fase, in cui vennero costruiti alcuni edifici ex novo, il famoso scultore simbolista Leonardo Bistolfi intervenne nella cappella 16, modellando le statue della Salita al Calvario.


EMERGENZA COVID-19

Disposizioni attuative della Regione Piemonte

Fatte salve le disposizioni di fruizione dei luoghi in base alla normativa vigente, i visitatori devono rispettare scrupolosamente le regole fondamentali di:

  • uso della mascherina 
  • mantenimento della distanza
  • igienizzazione delle mani

I visitatori sono inoltre informati che, per motivi di sicurezza sanitaria, alcuni servizi potrebbero subire modifiche o sospensioni.

Parco: tutti i percorsi sono aperti.

Cappelle: è chiusa per restauro la cappella 23 "Incoronazione di Maria (il Paradiso)" e l'area circostante.

Chiesa e celebrazioni: la chiesa è aperta.

Aree attrezzate e aree pic-nic: aperte.

Servizi igienici: aperti.

Bar: aperto, per info:  tel. 0142/940108 .

Mappa

item.title

{{item.title}}

{{item.shortDesc}}

{{item.locationName}}

Vedi nel dettaglio

I Sacri Monti


I nostri media


Questo portale www.sacrimonti.org è un progetto finanziato a valere sui fondi della Legge 20 febbraio 2006, n. 77
Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale inseriti nella lista del patrimonio mondiale posti sotto la tutela dell'UNESCO
This work was carried out with funds made available under Law 77 of 20 February 2006


Progetto Interreg "MAIN10ANCE" ID 473472

 logo Progetto Interreg MAIN10ANCE

logo linkedin       logo facebook        logo instagram