Storia e Arte
escapedSiteName:Guest
errorType:
errorCode:
errorMsg:
hasLayoutCustomizePermission: false
hasLayoutUpdatePermission:false
refererPlid: 0
backURL:
toggleControlsState:visible
showAddControls:false
showEditControls: false
showPreviewControls: false
showToggleControls: false
userSetupComplete: false
showAdminLinks: false
portalMessageUseAnimation: true
hasLayoutCustomizePermission: false
setHasLayoutUpdatePermission: false
toggleControlsState: visible
openSiteMapUrl: https://www.sacrimonti.org/sacro-monte-di-varese/storia?p_p_id=145&p_p_lifecycle=0&p_p_state=pop_up&p_p_mode=view&_145_stateMaximized=true&_145_selPlid=26666&_145_struts_action=%2Fdockbar%2Fadd_panel&_145_closeRedirect=%2Fsuggesto-gui-portlet%2Fhtml%2Fclosewindow.html
openEditPageUrl: https://www.sacrimonti.org/sacro-monte-di-varese/storia?p_p_id=145&p_p_lifecycle=0&p_p_state=pop_up&p_p_mode=view&_145_selPlid=26666&_145_struts_action=%2Fdockbar%2Fedit_layout_panel&_145_closeRedirect=%2Fsuggesto-gui-portlet%2Fhtml%2Fclosewindow.html

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Cenni storici

Qui, sulle pendici del monte di Velate, alle spalle di Varese, secondo la tradizione  sant’Ambrogio sconfisse gli eretici Ariani (IV sec.) e fece erigere una cappella con un altare intitolato a Maria, Madonna della Vittoria, che è alle origini dell’attuale Santuario menzionato per la prima volta in un documento del 922.
I resti archeologici riportano ad un primo edificio di culto del V-VI secolo a cui si sovrapposero interventi altomedioevali (IX-X secolo) e romanici (XII secolo) sino al rinnovamento voluto da Galeazzo Maria Sforza, duca di  Milano (1472-1476), ben visibile all’interno, profondamente modificato in epoca barocca.  
Il gruppo di sculture lignee dell’Adorazione dei Magi di Andrea da Saronno (1535) posto sull’altare della navata destra del Santuario, è un’importante testimonianza dell’arredo  cinquecentesco.
Fu il padre cappuccino Giovan Battista Aguggiari ad avere l’idea nel primo Seicento di allestire un percorso sui Misteri del Rosario in quindici cappelle, sostenuto dal cardinale Federico Borromeo, che impartì precise istruzioni in merito alla decorazione delle cappelle-
Il progetto fu affidato all’architetto varesino Giuseppe Bernasconi. Nel 1623 c’erano già quattordici stazioni, in buona parte decorate; dopo una breve sosta dovuta alla peste ‘manzioniana’ (1630-1632), i lavori terminarono tra fine Seicento e inizio Settecento.
Monsignor Pasquale Macchi, già segretario di Papa Paolo VI commissionò nel 1983  a  Renato Gottuso il dipinto con la Fuga in Egitto sul fianco della terza cappella.  

La ‘Via Sacra’ – inaugurata dal Primo Arco, dedicato alla Vergine e progettato dal Bernascone (primo quarto del XVII sec.) – comprende quattordici cappelle, poste lungo il sentiero acciottolato a intervalli regolari, corrispondenti al tempo che ci si impiega per recitare una decina di Ave Maria.


I nostri media


Questo portale www.sacrimonti.org è un progetto finanziato a valere sui fondi della Legge 20 febbraio 2006, n. 77
Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale inseriti nella lista del patrimonio mondiale posti sotto la tutela dell'UNESCO
This work was carried out with funds made available under Law 77 of 20 February 2006



Progetto Interreg "MAIN10ANCE" ID 473472

 logo Progetto Interreg MAIN10ANCE