Storia e Arte
escapedSiteName:Guest
errorType:
errorCode:
errorMsg:
hasLayoutCustomizePermission: false
hasLayoutUpdatePermission:false
refererPlid: 0
backURL:
toggleControlsState:visible
showAddControls:false
showEditControls: false
showPreviewControls: false
showToggleControls: false
userSetupComplete: false
showAdminLinks: false
portalMessageUseAnimation: true
hasLayoutCustomizePermission: false
setHasLayoutUpdatePermission: false
toggleControlsState: visible
openSiteMapUrl: https://www.sacrimonti.org/sacro-monte-di-varallo/storia?p_p_id=145&p_p_lifecycle=0&p_p_state=pop_up&p_p_mode=view&_145_stateMaximized=true&_145_selPlid=26642&_145_struts_action=%2Fdockbar%2Fadd_panel&_145_closeRedirect=%2Fsuggesto-gui-portlet%2Fhtml%2Fclosewindow.html
openEditPageUrl: https://www.sacrimonti.org/sacro-monte-di-varallo/storia?p_p_id=145&p_p_lifecycle=0&p_p_state=pop_up&p_p_mode=view&_145_selPlid=26642&_145_struts_action=%2Fdockbar%2Fedit_layout_panel&_145_closeRedirect=%2Fsuggesto-gui-portlet%2Fhtml%2Fclosewindow.html

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Cenni storici

Il Sacro Monte di Varallo fu realizzato alla fine del XV secolo dal frate francescano Bernardino Caimi, che era stato custode del Santo Sepolcro a Gerusalemme, che volle riprodurre nel ducato di Milano, sua terra di origine, i luoghi santi della Palestina, testimoni della vita terrena di Cristo. 
Con l’appoggio e il sostegno economico degli abitanti di Varallo furono edificati luoghi semplici al cui interno vennero posti dipinto o sculture colorate per narrare la storia di Gesù. Sulla porta della prima cappella edificata, che riproduce il santo Sepolcro di Gerusalemme, è spiegata la ragione del progetto: consentire di vedere i luoghi sacri di Gerusalemme a chi non poteva andarvi in pellegrinaggio.
 All’inizio del Cinquecento, grazie all’opera di Gaudenzio Ferrari, pittore, scultore e architetto, le scene sacre acquistarono maggiore importanza e il Sacro Monte assunse l’aspetto finale. Gaudenzio ha popolato le scene di personaggi realistici, presi dalla vita di tutti i giorni, mamme, bambini, animali domestici, il montanaro delle valli con il gozzo. Ne ha riprodotto non solo l’aspetto fisico, ma anche l’umanità, i sentimenti: il dolore degli angeli in cielo per la morte di Cristo, lo svenimento della Madonna, lo stupore dei Magi quando vedono la cometa in cielo. 
Nel 1565-1572 il complesso viene ridisegnato dall’architetto perugino Galeazzo Alessi che nel suo progetto , denominato Libro dei Misteri, consultabile in originale presso la Biblioteca Civica di Varallo, voluto e finanziato dal finanziere milanese Giacomo d’Adda,  lo arricchì di meraviglie e artifici vicini al gusto decorativo delle ville contemporanee, con giochi d’acqua, fontane, siepi e giardini all’italiana. Il Sacro Monte fu da lui progettato in tre aree: la zona a giardino, l’area urbana sulla sommità e la zona boschiva, con le cappelle seminterrate del Limbo, del Purgatorio e dell’Inferno, quest’ultima realizzata solo in parte. 
A partire dal 1593 Carlo Bascapè, vescovo di Novara, trasformò il complesso in un grande catechismo illustrato per narrare ai fedeli, in modo chiaro e comunicativo, la storia della vita di Cristo, raccogliendo le indicazioni di san Carlo Borromeo e del Concilio di Trento. E’ a questa fase del Sacro Monte di Varallo, a cui lavorarono importanti artisti come i Fiammenghini, Morazzone, Tanzio da Varallo e suo fratello Giovanni, Gianoli, Dionigi Bussola,  che si ispirarono gli altri Sacri Monti costruiti dopo il Concilio di Trento: da Orta a Crea, Varese, Oropa, Ossuccio. 


I nostri media


Questo portale www.sacrimonti.org è un progetto finanziato a valere sui fondi della Legge 20 febbraio 2006, n. 77
Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale inseriti nella lista del patrimonio mondiale posti sotto la tutela dell'UNESCO
This work was carried out with funds made available under Law 77 of 20 February 2006



Progetto Interreg "MAIN10ANCE" ID 473472

 logo Progetto Interreg MAIN10ANCE